Banche Popolari, ricorso al Tar di Federconsumatori e Adusbef

Federconsumatori ed Adusbef avanzano ricorso al TAR contro la riforma delle banche popolari.

Lo conferma il Presidente Rosario Trefiletti: "Siamo sempre stati fondamentalmente contrari a questa riforma, non ci piace e la contestiamo puntando a farla revocare [...] e a questo scopo siamo disposti ad andare sino in fondo, fino alla Corte Costituzionale; se servirà metteremo in campo ogni risorsa.

Riformare e migliorare le banche cooperative si può, anche modificando le regole del voto capitario, ma il senso e la logica delle banche popolari non devono essere stravolti, magari per favorire qualche gruppo di interesse.

Anche contro le potentissime agenzie di rating siamo riusciti ad incidere, grazie alla nostra iniziativa con Adusbef, fino a mandare a processo i responsabili di comportamenti, a nostro avviso, scorretti."

Il ricorso di Federconsumatori e Adusbef si aggiunge a quello di Regione Lombardia ed altri due per conto di diverse Associazioni di soci delle Popolari (Bpm, Veneto Banca, Banco Popolare, Popolare di Sondrio).

Fra gli argomenti impugnati per ricorrere, la lesione ai diritti dei soci cooperativi, la violazione del principio di uguaglianza, del diritto di proprietà e della libertà di iniziativa economica .

Secondo i ricorrenti, l'incostituzionalità della riforma deriva anche dall'irrazionalità della soglia di 8 miliardi di patrimonio oltre la quale scatta l'obbligo di trasformazione in Società Per Azioni.

 

Immagini

Banche Popolari, ricorso al Tar di Federconsumatori e Adusbef