BCE NON PUO’ ADDOSSARE A ESERCENTI E CONSUMATORI, CAOS E COSTI NUOVE BANCONOTE DA 5 EURO

Tra le funzioni fondamentali della Bce sono quelle di definire e attuare la politica monetaria per l’area dell’euro e quindi autorizzare l’emissione di banconote all’interno dell’area dell’euro.

 A 20 giorni dall’emissione della nuova banconota da 5 euro, che ha visto il presidente Draghi pomposamente immortalato accanto all’effige del nuovo taglio, la Bce ha violato platealmente il Trattato istitutivo e le funzioni fondamentali nel sistema dei pagamenti (in particolare la promozione del regolare funzionamento dei sistemi di pagamento), con una rara dimostrazione di arroganza, approssimazione, mancata pianificazione, addossando a consumatori ed esercenti  disfunzioni e danni derivanti dal mancato aggiornamento preventivo dei software nei distributori automatici di beni e servizi, ben 2,5 milioni solo quelle funzionanti in Italia.

   La nuova banconota da 5 euro, in circolazione dal 2 maggio non viene quasi mai accettata dai distributori automatici (nove volte su dieci viene "risputata" fuori, non riconosciuta, come se fosse falsa-secondo una recente inchiesta di Repubblica), poiché risulta indigesta per  farmacie, benzinai, biglietterie della metropolitana e delle ferrovie, distributori di pasti caldi, parcometri, tabaccherie il  biglietto con il volto della dea greca Europa, che affiora in controluce e sull' ologramma.

   Non si capisce perché la tecnocrazia più avanzata d’Europa, non abbia previsto e prevenuto il caos nei sistemi di pagamento automatici, che pur avrebbe il compito di salvaguardare, con l’emissione della nuova banconota da 5 euro che ha procurato un danno a consumatori ed esercenti, che devono sopportare costi di aggiornamento per centinaia, in alcuni casi migliaia di euro pro-capite, dimostrandosi peggiore delle burocrazie nazionali e particolarmente di quella italiana.

 Federconsumatori e Adusbef, per evitare che si possa replicare l’ennesima figuraccia, che si tradurrebbe in ulteriore tangibile danno ad utenti ed imprese nei prossimi mesi, quando i soloni della Banca Centrale Europea provvederanno ad immettere sui mercati nuove banconote da 20 e 50 euro, in un sistema pianificato di sostituzione del vecchio circolante, hanno dato mandato ai propri legali di chiamare in giudizio la Bce, per rispondere dei danni procurati ai consumatori.

Immagini

BCE NON PUO’ ADDOSSARE A ESERCENTI E CONSUMATORI, CAOS E COSTI NUOVE BANCONOTE DA 5 EURO