Censimento: il parere delle Associazioni dei Consumatori sul questionario

Sul questionario, le Associazioni dei  Consumatori hanno da ridire: lacunoso, complicato, con scarsa informazione sulla privacy. Ciò nonostante il censimento va fatto, perché obbligatorio. il censimento è un'indagine statistica che permette di conoscere la struttura demografica e sociale del nostro Paese. Condotto dall'Istat, viene effettuato ogni 10 anni e riguarda tutto il territorio nazionale.

 

Il questionario è diviso in due sezioni:la prima comprende le domande su famiglia e alloggio, la seconda i fogli individuali, uno per ogni componente della famiglia. La spedizione dei questionari è iniziata a settembre e durerà fino al 22 ottobre. Se non arriva a destinazione, ci si può recare in un centro comunale di raccolta e ritirarne uno di scorta, oppure attendere un rilevatore comunale che, a partire dal 21 novembre, consegnerà il questionario direttamente a casa.

 

Sono state predisposte due versioni del questionario.La prima, quella completa, contiene tutti i quesiti previsti dal piano di rilevazione censuaria. La seconda, in forma ridotta, ha come scopo quello di ridurre il più possibile l'onore sui cittadini. Il questionario in forma ridotta sarà distribuito ai due terzi delle famiglie residenti nei centri abitati dei Comuni capoluogo di provincia o con almeno 20.000 abitanti al 1° gennaio 2008, e nei quali è stato possibile costruire campioni di famiglia significativi per aree sub comunali.

 

Il questionario può essere restituito via internet,negli uffici postali o nei centri comunali di raccolta. Bisogna comunque prima ricevere la versione cartacea, dove si trova la password che permetterà di accedere alla compilazione via web. Se compilato su carta, dal 10 ottobre il questionario può essere consegnato a mano in qualsiasi ufficio postale o nei centri comunali di raccolta - per sapere dove si trovano, c'è il numero verde gratuito 800-069-701. A partire dal 21 novembre 2011 e fino al 29 febbraio 2012 parte la fase di completamento della rilevazione sul campo a cura dei rilevatori che: recupereranno i questionari non restituiti; rileveranno le famiglie non iscritte nelle liste anagrafiche al 31 dicembre 2010 e le abitazioni non occupate. Il questionario potrà essere restituito anche in questa fase.

 

Ci sono però delle scadenze per la consegna, diverse a seconda dell'ampiezza dei comuni. I questionari vanno restituiti entro il 31 dicembre 2011 nei comuni con meno di 20.000 abitanti;entro il 31 gennaio 2012 nei comuni compresi tra 20.000 e 150.000 abitanti; entro il 29 febbraio 2012 nei comuni maggiori di 150.000 abitanti.

 

La compilazione del questionario è obbligatoria. Se non viene restituito, sono previste multe da poche centinaia di euro fino a 2.000 euro

Immagini

Censimento: il parere delle Associazioni dei Consumatori sul questionario