IL CORPO NON SI RITOCCA COME UNA FOTO! LE IMMAGINI RITOCCATE SONO INGANNEVOLI E FUORVIANTI PER I GIOVANI.

Che la pubblicità, sia un pò la “padrona” del nostro tempo e che spesso induca a modelli devianti, specie per i giovani, lo denunciamo da tempo. 

L'utilizzo di immagini ritoccate, in particolare di modelle e attori viene realizzato con uno scopo preciso quello di creare un collegamento tra la "bellezza" di quel modello/attore e le prestazioni del prodotto che si intende pubblicizzare. Ma è falso, fuorviante, tendenzioso. E' anche questa una forma, forse più subdola, di pubblicità ingannevole. 

Pensiamo con particolare preoccupazione a quei soggetti (in particolare gli adolescenti) che sono indotti a immaginare forme di perfezione fisica derivanti da queste pubblicità e dietro aspettative false e immaginarie si possono produrre disturbi psicologici. 

Esprimiamo tutto il noistro apprezzamento verso quei parlamenti europei (Francia e Inghilterra) che con varie proposte di legge intendono imporre l'obbligo di informare quando un'immagine di un viso o di un corpo sia stata oggetto di "ritocchi fotografici" (oggi si mpossono fare "mioracoli"!). Con una rigidità ancora maggiore quando la puybblicità è rivolta ad un pubblico adolescente.

Anche in Italia, il deputato Bobba (PD) ha presentato una proposta nella quale si chiede che venga considerata “ingannevole una pubblicità, suscettibile di raggiungere bambini, adolescenti o comunque minori, recante la fotografia o l’immagine di persone il cui aspetto fisico è stato modificato attraverso un software di elaborazione dell’immagine o comunque attraverso una tecnologia informatica. Tutto il nostro apprezzamento ed appoggio. Aiutiamo il nostro Paese a crescere, anche culturalmente, ne abbiamo bisogno!

 

Immagini

IL CORPO NON SI RITOCCA COME UNA FOTO! LE IMMAGINI RITOCCATE SONO INGANNEVOLI E FUORVIANTI PER I GIOVANI.