Tlc: la tredicesima mensilità delle compagnie telefoniche. Attendiamo un pronunciamento esemplare da parte dell'Antitrust.

Molti utenti continuano a ricevere la comunicazione, da parte del proprio operatore di telefonia mobile, in merito alla modifica unilaterale del contratto che porta la sua validità da un mese a quattro settimane.

"Costo e contenuto dell'offerta rimangono invariati" recita il messaggio, ma nella realtà non è così!

Gli utenti, infatti, spenderanno di più: a parità di costyo e, nella maggior parte dei casi anche a parità di condizioni (minuti e GigaByte a disposizione), diminuisce anche il tempo di validità dell'offerta.

Se prima l'addebito avveniva ogni 30 giorni, dopo sarà effettuato ogni 28 giorni.

Un escamotage attraverso il quale le compagnie hanno creato una sorta di "tredicesima mensilità", addossando agli utenti un aumetno dell'8%.

Abbiamo vivacemente protestato contro tale pratica sin dalle sue prime attuazioni, avvenute in estate.

A maggior ragione dal momento che tali modifiche sono state operate da ben 4 operatori su 5.

Anche su nostra sollecitazione è intervenuto l'AGCOM, sun indicazione della quale l'Antitrust ha avviato un'indagine. Adesso attendiamo il pronunciamento di quest'ultima, da cui ci aspettiamo non solo delle sanzioni esemplari per le pratiche commerciali scorrette messe in atto dalle compagnie, ma anche la possibilità di recesso gratuito per tutti gli utenti (anche oltre i 30gg previsti), nonchè il rimborso di quanto pagati in più a causa di tale modifica dell'offerta del tutto arbitraria.

Immagini

Tlc: la tredicesima mensilità delle compagnie telefoniche.  Attendiamo un pronunciamento esemplare da parte dell'Antitrust.