Contratti non richiesti: la Federconsumatori a tutela degli utenti coinvolti

Home > ACQUA ENERGIA GAS E RIFIUTI > Contratti non richiesti: la Federconsumatori a tutela degli utenti coinvolti

Contratti non richiesti: la Federconsumatori a tutela degli utenti coinvolti

La Federconsumatori sta ricevendo molte segnalazioni da cittadini residenti nella provincia di Firenze ed Arezzo, in particolar modo nel Valdarno, che si sono visti cambiare gestore per le utenze, passando ad Eni senza esserne a conoscenza.

Le modalità sono sempre le stesse: gli utenti ricevono una fattura di chiusura dal loro gestore senza aver richiesto alcun passaggio o cambio di gestore, salvo poi scoprire, con molta difficoltà, che le loro utenze sono passate al gestore Eni.
Nella maggior parte dei casi i contratti, oltre a riportare firme false, riportano anche indirizzi e recapiti fasulli e pertanto gli utenti rischiano di vedersi distaccare il servizio per non aver pagato fatture che non riceveranno mai.

Interpellata dalla nostra associazione, Eni si è dichiarata del tutto estranea alla vicenda, indicando tuttavia di essere a conoscenza di irregolarità da parte di alcune agenzie incaricate. La società si è detta disponibile a riconoscere agli utenti coinvolti quanto previsto dal Codice del Consumo e dall’Autorità di settore in caso di contratti non richiesti, oltre a valutare ulteriori forme indennitarie.

La nostra associazione ha già segnalato la vicenda all’Autorità dell’Energia, All’autorità della concorrenza e del Mercato e a quella della privacy.

I nostri Sportelli rimangono a disposizione per aiutare tutti gli utenti coinvolti e dare avvio ai percorsi di tutela previsti.