Equitalia e cartelle pazze: per fermare la procedura basterà l’autocertificazione del cittadino

Home > ARCHIVIO NEWS > Tutela Dei Diritti > Prezzi e Tariffe > Equitalia e cartelle pazze: per fermare la procedura basterà l’autocertificazione del cittadino

Equitalia e cartelle pazze: per fermare la procedura basterà l’autocertificazione del cittadino

Lo annuncia Equitalia, spiegando che il contribuente non dovra’ piu’ fare la spola tra la societa’ di riscossione e l’ente creditore per avere delle spiegazioni.

In base a una direttiva emanata, disponibile gia’ sul sito, la riscossione sara’ immediatamente sospesa qualora il contribuente sia in grado di produrre un provvedimento di sgravio o di sospensione emesso dall’ente creditore in conseguenza della presentazione di un’istanza di autotutela, una sospensione giudiziale oppure una sentenza della magistratura, o anche un pagamento effettuato in data antecedente alla formazione del ruolo in favore dell’ente creditore. Il cittadino compilerà un modulo ed entro i successivi dieci giorni, l’agente della riscossione portera’ all’attenzione dell’ente creditore la documentazione consegnata dal debitore, al fine di ottenere conferma o meno dell’esistenza delle ragioni di quest’ultimo. In caso di silenzio degli enti, le azioni volte al recupero del credito rimarranno comunque sospese.